TASTE

‘Le Soste di Ulisse’, 4 chef siciliani a Milano, dal 28 Novembre al 1° Dicembre 2018

A Milano comincia un viaggio tra i sapori e le tradizioni di Sicilia, in programma dal 28 Novembre al 1° Dicembre 2018, attraverso la cucina degli chef Pino Cuttaia, Damiano Ferraro, Gioacchino Gaglio e Angelo Treno.

Le Soste di Ulisse’ portano le eccellenze gastronomiche del territorio siciliano per tutto il calendario fino al 2020 in Italia e all’estero, partendo proprio dalla città di Milano.

A cena con gli chef, che presentano insieme un menù a otto mani, promosso da Paolo Marchi e Claudio Ceroni in collaborazione con l’associazione Le Soste di Ulisse e Identità Golose Milano.

 

Il menù parte dall’antipasto ‘Filetto di alalunga rosato al battuto di pepe nero, vinaigrette solida di caviale povero, riccioli di calamari alla cannella e croccante alle mandorle’ di Damiano Ferraro, chef formatosi in Svizzera e a Londra, tornato nella sua isola dove ha inaugurato il suo ristorante Capitolo Primo.

“Nel piatto sono elaborati in sintonia tanti ingredienti di terra e di mare” – spiega Ferraro – “come idea tecnica dalle esperienze del mio percorso in giro per l’Europa e riportato poi nei sapori di una Sicilia barocca”

 

Il primo piatto si intitola ‘Cavatelli di grano orizzonte con ragù di salsiccia di maialino nero, profumo di finocchietto selvatico su fonduta di Piacentino DOP’ del cuoco Angelo Treno, anch’egli con esperienze in tutta Europa culminate con il rientro nel paese di origine, Piazza Armerina, dove, nel 1992, ha preso in gestione un casello ferroviario trasformandolo nel ristorante Al Fogher.

“Il piatto è il ricordo delle domeniche da ragazzo” – racconta Treno – “quando si facevano i maccheroncini a mano e il ragù con cotture lunghissime, in una commistione di profumi e sapori”.

 

Si prosegue con il secondo piatto, il ‘Maialino in cortile, accompagnato da una salsa di cavolicelli selvatici, da una pasta di acciughe e una maionese al limone’ dello chef Gioacchino Gaglio, che ha avuto un passato in ristoranti stellati tra l’Italia e l’Europa, per poi approdare a Gagini Restaurant.

“Il piatto nasce dal ricordo di infanzia in campagna dove si allevavano maiali e si conoscevano le verdure selvatiche, come i cavolicelli – ricorda Gaglio – “ che in questo caso ho abbinato al limone come con gli agrumeti che avevamo attorno casa, con l’acciuga, anch’essa consuetudine di speciali conserve”.

 

Infine, il piatto dolce è di Pino Cuttaia, due stelle Michelin conquistate nel suo ristorante La Madia di Licata e presidente dell’associazione: ‘Cornucopia di cialda di cannolo, ricotta e arancia’.

“Un tripudio di sicilianità con una base decisamente legata alla tradizione ma con una buona dose di creatività.” – afferma Cuttaia – “Il ruolo de ‘Le Soste di Ulisse’ rispetto al territorio siciliano è promuovere con l’impegno di tutti i suoi membri le eccellenze di cui siamo artefici in cucina, comprese quelle artistiche, storiche, culturali e architettoniche. L’associazione, nata nel 2002, comprende 41 soci attivi in campo enogastronomico e dell’hôtellerie, ristoranti gourmet, pasticcerie storiche, aziende vitivinicole e imprese leader nel territorio, localizzati nei territori più suggestivi di tutte le province della Sicilia”.

Con grandi sponsor e ambasciatori del gusto in tutta Italia, come Raffaele e Massimiliano Alajmo, Heinz Beck, Massimo Bottura, Gennaro Esposito, Giuseppe Giacomazza, Davide Scabin e Nino Graziano.

 

Per informazioni e prenotazioni:

www.identitagolosemilano.it

 

<Barbara Tassara>


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

READING

‘Le Soste di Ulisse’, 4 chef siciliani a Milano, d...