FASHION

L’Arabesque, il ‘cult store’ milanese diventa anche luogo per il benessere

In un bellissimo spazio nel cuore di Milano, in Largo Augusto 10, si trova il negozio&lounge L’Arabesque, fondato da Chichi Meroni e ripensato oggi come ‘nuova frontiera del retail’ poichè comprende, oltre alla vendita di abbigliamento e arredo, il ristorante/café, la libreria e la palestra Nautilus.
Un vero e proprio ‘cult store’ che tiene il ritmo della pulsante città attraverso un raffinato intreccio di elementi, fra oggetti di design degli Anni ’50 e ’60, proposte moda eleganti e senza tempo, accessori vintage, bijoux speciali, fragranze Haute Parfumerie, libri rari, gustosi piatti tipici della cucina di una Milano dimenticata.

E’ la meta giusta per darsi un punto di ritrovo animato anche da una serie di eventi da ‘caffè letterario’, showcooking, degustazioni di ottimi vini, chiacchierare accompagnati da squisite proposte di torte, piccola pasticceria e freschissimi smoothies.

Anche la libreria è concepita come un angolo-salotto che fa spazio anche ai magazine internazionali di tendenza, pubblicazioni speciali di preziose case editrici indipendenti.

Per i più sportivi, Nautilus è il nuovo fitness lounge dove allenare corpo e mente con attrezzature innovative e professionisti sempre a disposizione ‘su misura’, oltre a poter fruire di una serie di cure fisioterapiche, sostare presso l’hammam e godersi dei rilassanti massaggi.

Per celebrare i 10 anni del brand l’Arabesque, la collezione invernale rivisita nelle forme e nei tagli, in parte ispirati ai principi dell’estetica giapponese, la prima collezione di Chichi Meroni all’esordio del locale.

Asimmetrie geometriche e sovrapposizioni decorati con grandi fiocchi e fiori rivelano le creazioni sartoriali della Maison realizzati con tessuti pregiati: tweed di lana, lana cotta, casentino, tulle floccato, velluto, skai abbinato al neoprene, crêpe envers satin e raso.

<Barbara Tassara>


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

READING

L’Arabesque, il ‘cult store’ milanese diventa anch...