ART DISCOVER

‘Hyphae-Dove le cose cadono e non ritornano più a se stesse’: Riccardo Arena presso Galleria Milano fino al 24 luglio 2021  

In mostra dal 22 Aprile al 24 Luglio 2021 presso Galleria Milano di via Manin 13, le opere di Riccardo Arena, in una raccolta intitoalta:HyphaeDove le cose cadono e non ritornano più a se stesse’.

L’artista milanese sviluppa la sua pratica nella creazione di riflessioni visive e processi narrativi articolati, da cui originano installazioni, film, disegni, stampe, libri, storie, seminari e workshop concepiti come dispositivi di conoscenza immaginativa.

Questa mostra personale di Riccardo Arena, curata da Katia Anguelova, è stata concepita come un’articolata installazione che si sviluppa nelle due sale della galleria e orchestra collage, fotografie, disegni, sculture e materiali d’archivio, accompagnata da un programma di conferenze tematiche tenute da ospiti illustri, come Giuliano Boccali, professore di Indologia, Sanscrito e Tibetologia, il restauratore di tappeti e arazzi Maurizio Barracano, studioso di simbologia e di religioni, la performance musicale di Fakhraddin Gafarov e Lorenzo Pierobon, e una serie di visite guidate.

Pubblicato nel 2019, il libro di Arena intitolato LuDD! – Topografia della Luce’ (pubblicato da Kunstverein Publishing, Milano & Boîte Editions, Lissone) costituisce l’architettura dell’opera compositiva Hyphae, sviluppata come una guida per orientarsi negli immaginari dello scritto.

Il poema, come racconta l’autore, «narra la genesi e il collasso di un Tappeto di luce filato attraverso il sacrificio di un Toro Primordiale imprigionato dentro un acceleratore di particelle, nelle cui trame si manifestano misura, geometria, tetragiardini, e miraggi di coscienza. Una cartografia rituale attraversata da una figura solitaria, che al seguito di una guida fluviale, intraprende un viaggio dissolutivo votato alla ricerca della mano che ha ordito il sacro tessuto».

L’autore intreccia una fitta maglia di corrispondenze tra biografie, teorie scientifiche e mitologie per fondere e trascendere in una dimensione poetica le parti che la compongono.

Temi come la luce mistica, le formazioni di sabbia in dissoluzione, le tassellazioni aperiodiche impiegate nell’architettura islamica medievale, i cromatismi delle Isole Hormoz nel Golfo Persico, considerate il “paradiso dei geologi” e abitate dagli Zaar, enigmatici cantori sciamani, il fuoco perenne e l’influenza della figura di Zoroastro nelle origini delle culture monoteiste, il simbolismo dell’intessitura del tappeto legato al destino delle popolazioni nomadi, l’utopia lunare nella campagna di Alessandro Magno, la saggezza pietrificata nei complessi monastici di Sanahin e Haghpat in Armenia, la spedizione dell’esploratore scozzese James Bruce votata alla scoperta della sorgente del Nilo; i monasteri del Tigray e i Tabot, simulacri dell’arca dell’Alleanza, sono fra le fonti di ispirazione dell’artista.

Giuliano Boccali e Maurizio Barracano potranno essere ascoltati in data 5 Maggio 2021 sull’estetica della poesia indiana e sul mistero del silenzio.

La performance musicale di Fakhraddin Gafarov e Lorenzo Pierobon è prevista per il 26 maggio 2021, due voci e due microfoni dialogano con live electronics e con strumenti tradizionali a corda pizzicata e a fiato, in un suggestivo ed inedito percorso tra oriente e occidente, tra tecnologia e tradizione.

Altri incontri e laboratori sui contenuti filosofici e simbolici presi in esame dall’installazione saranno condotti dall’artista stesso, da Nicola Pellegrini di Galleria Milano, dalla curatrice Katia Anguelova, da Andrea Wiarda di Kunstverein Milano e da Giulia Brivio di Studio Boîte.

Per maggiori informazioni sulla mostra e sugli eventi ad essa correlati, consultare:

www.riccardoarena.org  www.galleriamilano.com

<Barbara Tassara>

 

Image credits: Courtesy by Galleria Milano and Riccardo Arena

Standing Bull, Stampa Fine Art, 120 x 40 cm, 2021

Echo & Narcissus, Collage su carta, 58 x 46cm, 2021

Mount Analogue Inland Peak Expedition, Video, Still Frame, 2021

Mask of Knots, Stampa Fine Art, 90x70cm, 2021

Hindesah, Stampa Fine Art, 47 x 73 cm, 2021

Arjuna, Stampa Fine Art, 84 x  62cm, 2021

 


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

READING

‘Hyphae-Dove le cose cadono e non ritornano più a ...