ART DISCOVER

Photo Vogue Festival Milano 2020, all’aperto e online fino al 22 Novembre 2020

Presso i Giardini di Porta Venezia e in maxi schermi curati da Urban Vision nelle piazze di Milano ed anche su piattaforma digitale photovoguefestival.vogue.it, l’evento ‘Photo Vogue Festival 2020’ resta attivo programmato dal 30 Ottobre al 22 Novembre 2020.

Mostre, talk e proiezioni all’aperto e online raccontano l’arte della fotografia con sguardo contemporaneo e attuale, con la possibilità di ascoltare i professionisti del settore, dagli artisti ai curatori.

“In questi anni, Photo Vogue Festival ha rappresentato un’importante occasione per molti giovani, che coltivano la passione per lo scatto, di confrontarsi con i grandi nomi che hanno trasformato la fotografia di moda in una vera e propria espressione artistica capace di cogliere i cambiamenti del nostro tempo” così dichiara l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività Produttive, Moda e Design, Cristina Tajani.

Photo Vogue Festival è nato nel 2011 da un’idea di Alessia Glaviano, brand visual director di Vogue Italia ed oggi conta oltre 230.000 iscritti, tra fotografi amatoriali e professionisti provenienti da ogni parte del mondo.

Chiunque però può registrarsi in Photo Vogue Festival e caricare le proprie immagini che possono essere di ogni genere fotografico, dalla ritrattistica al reportage, passando per la fotografia di moda e la street photography., perché la mission è da sempre quella di sostenere il talento fotografico.

Fra gli eventi particolari, le due mostre “All In This Together”
a cura di Alessia Glaviano e Francesca Marani, con 30 artisti in mostra, e l’esibizione ‘a quattro voci’ dei lavori arstistici di Alexandra von Fuerst, Camila Falquez, Nadine Ijewere e Ruth Ossai, fotografe di moda ‘socialmente consapevoli’, la cui estetica è intrinsecamente un’ibridazione di generi e quindi la moda dialoga costantemente con giornalismo e visual art.

Per Alexandra von Fuerst la moda deve diventare «uno spazio di comprensione e tolleranza, libertà sociale, politica, ambientale e sessuale, libera da categorie predefinite».

Camila Falquez sostiene la fotografia di moda come forza che «plasma e dà forma alle aspirazioni della società, amplia la definizione di bellezza, dà spazio a voci per troppo tempo inascoltate».

La riflessione sulle modelle di Nadine Ijewere:  «Crescendo, non riuscivo a rispecchiarmi in nessuna delle modelle che comparivano negli editoriali e nelle pubblicità di moda. L’Occidente è un mondo fatto di persone molto diverse, ma la moda sembrava non accorgersene. La fotografia mi ha permesso di celebrare diversi tipi di bellezze e culture, smantellando gli stereotipi della bellezza “ideale”».

Ruth Ossai riflette sulla connessione fra vita reale e immagini della moda: «La fotografia di moda non deve necessariamente essere inaccessibile, inottenibile, lontana, come mi sembrava fosse quando ero adolescente. Può anche raccontare il quotidiano, le imperfezioni, e allo stesso tempo celebrare i suoi soggetti, renderli attivi e non passivi. Il punto non è essere perfette, parlare solo a una certa tipologia di persone (che si tratti di classe o provenienza), o portare avanti una cultura elitaria. Nei miei ritratti sono le persone che decidono come essere rappresentati, dallo stile personale alle pose e al set».

Fra i protagonisti dei talk, artisti ed esperti di fama internazionale, tra cui Bettina Rheims, Fred Ritchin, Nathan Jurgenson, Precious Lee, Willy Ndatira, Pierre A. M’Pele, Floria Sigismondi, Emanuele Coccia, Aaron Philip, Munroe Bergdorf, Mohamed Bourouissa e istituzioni prestigiose come Magnum Photos e Foam.

Il programma dettagliato degli eventi è pubblicato e aggiornato su photovoguefestival.vogue.it.

In concomitanza con Photo Vogue Festival, le gallerie milanesi esporrano i loro artisti, da Armani Silos, Fondazione Sozzani, Istituto Italiano di Fotografia, Fondazione Stelline, Fondazione Forma, Contrasto Galleria, Leica Galerie Milano, Museo di Fotografia Contemporanea, Officine Fotografiche Milano, Other Size Gallery, Palazzo Reale e molte altre ancora.

<Barbara Tassara>


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

READING

Photo Vogue Festival Milano 2020, all’aperto e onl...