ART DISCOVER

Palazzo Cipolla ospita l’arte tecnologica e generativa di Quayola, fino al 30 Gennaio 2022

A Roma, presso Palazzo Cipolla in Via del Corso 320, resterà in esposizione fino al 30 Gennaio 2022 la mostra monografica di Quayola, artista romano di origine e londinese di adozione, tra gli esponenti più importanti della media-art a livello internazionale.
Si potrà ammirare quasi tutta la produzione dell’artista in un viaggio immersivo, fisico e digitale, suddiviso in tre aree tematiche: iconografia classica, sculture non finite e tradizione della pittura di paesaggio.

Avvalendosi di sistemi robotici di intelligenza artificiale e stringhe di codice generativo, Quayola ricodifica la storia dell’arte attraverso una nuova prospettiva, utilizzando un linguaggio innovativo capace di riflettere la sua visione poetica del mondo digitale tramite la moltitudine di opportunità che la tecnologia gli offre.

Dipinti rinascimentali e del barocco sono trasformati in complesse composizioni digitali attraverso metodi computazionali, mentre sculture ispirate alla tecnica michelangiolesca del non-finito sono scolpite mediante mezzi robotici.

Promosso dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, l’evento è realizzato da Poema con il supporto organizzativo di Comediarting e Arthemisia e curato da Jérôme Neutres e Valentino Catricalà.

Quayola ha esposto in altri importanti contesti internazionali quali il V&A Museum a Londra, Park Avenue Armory di New York e il Palais de Tokyo a Parigi, per citarne alcuni, oltre a segnalare la sua presenza in Biennali come quella di San Paolo e in numerosi festival tra i quali Sundance Film Festival di Park City.

 

<editorial staff Wegazine>

 


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

READING

Palazzo Cipolla ospita l’arte tecnologica e genera...